Caso Clinico

Maschio, 19 anni.
174 cm, 70kg BMI 23

Il paziente richiede al curante per via telefonica visita domiciliare per comparsa improvvisa di dispnea.
DD: Asma cardiaco, Edema Polmonare, ARDS, TEP, Edema glottide, Chrugh Strauss, Bronchioliti.
Il curante si reca immediatamente al domicilio, intanto si raccomanda di assumere salbutamolo 2 puff.

Dalla storia clinica è noto che il paziente soffra di asma da alcuni anni. E' presente inoltre allergia alle graminacee. Sta assumendo terapia con formoterolo 2 puff x 2 die  +  beclometasone 2 puff x 2 die.
Alla visita si conferma il sospetto di crisi asmatica, il paziente appare ansioso, pallido, sudato e rallentato nei movimenti. Si riscontra: FR 25, PA 110/60, FC 120R, lieve cianosi labiale, PEF eseguito con difficoltà 120, tosse, Sat 88% espettorato giallo/verdastro imputabile all'attivita della perossidasi eosinofila.
Viene chiamato il 118 per trasporto in PS, in attesa dell'arrivo dell'ambulanza si somministra Salbutamolo 10 puff, prednisolone 30mg con miglioramento sintomatologia e PEF 150.
All'arrivo dell'ambulanza si somministra ossigeno in ventimask alti flussi.
Il paziente viene trasportato in PS dove passa la giornata in osservazione, dimesso dopo rilievo PEF 230 con indicazione a terapia inalatoria con salmeterolo + beclometasone, e orale con beclometasone 2mg per 7gg